Emergenza coronavirus accesso alle misure di sostegno alle imprese

Regione Umbria – DD 2500 del 19 marzo 2020
Per fronteggiare le ricadute nel settore economico dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, con Determinazione Dirigenziale n. 2500 del 19 marzo 2020, la Regione Umbria ha autorizzato Gepafin a sospendere il rimborso delle quote capitali dei prestiti, o interventi finanziari equivalenti, concessi a valere sui Fondi regionali.
Le caratteristiche dell’intervento sono le seguenti:
– la richiesta di sospensione può essere presentata dalle imprese beneficiarie che alla data di presentazione della domanda risultano in bonis (senza importi scaduti non pagati da oltre 90 giorni);
– la sospensione viene concessa senza valutazione del merito creditizio e senza alcun costo aggiuntivo;
– il periodo di sospensione massimo è di 12 mesi;
– la sospensione comporta una traslazione del piano di ammortamento e nel periodo di sospensione vengono pagate solo le quote interessi.
Per richiedere la sospensione del pagamento delle quote capitali dei prestiti, ai sensi della Determinazione Dirigenziale n. 2500 del 19 marzo 2020, le imprese beneficiarie devono trasmettere, dalla propria PEC aziendale alla PEC di Geapfin (gepafinspa@legalmail.it), il sottostante modello di domanda:

Art. 56 D.L. Cura Italia
Ai sensi dell’art. 56, comma 2, lettera c), del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 (DL “Cura Italia”), su richiesta delle imprese beneficiarie, Gepafin procederà alla sospensione del pagamento dell’intero importo della rata dei prestiti, o interventi finanziari equivalenti.
Le caratteristiche dell’intervento sono le seguenti:
– la richiesta di sospensione può essere presentata dalle imprese beneficiarie che alla data del 17 marzo 2020 risultavano in bonis (senza importi scaduti non pagati da oltre 90 giorni) e che autocertifichino (ai sensi dell’art. 47 DPR 445/2000) di aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da Covid-19;
– la sospensione viene concessa senza valutazione del merito creditizio e senza alcun costo aggiuntivo;
– può essere sospeso il pagamento delle rate in scadenza prima del 30 settembre 2020;
– il piano di rimborso delle rate oggetto di sospensione è dilazionato;
– le imprese possono richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale.
Per richiedere la sospensione del pagamento delle rate dei prestiti (o delle sole quote capitali), ai sensi dell’art. 56, comma 2, lettera c) del DL “Cura Italia”, le imprese beneficiarie devono trasmettere, dalla propria PEC aziendale alla PEC di Geapfin (gepafinspa@legalmail.it), il sottostante modello di domanda:

Con Determinazione Dirigenziale n. 2316 del 13 marzo 2020 la Regione Umbria ha autorizzato Gepafin a confermare d’ufficio le richieste di allungamento della durata delle garanzie rilasciate a valere su Fondi pubblici, senza nessun costo aggiuntivo e senza valutazione del merito di credito dei soggetti garantiti.
Le richieste di sospensione dei pagamenti e allungamento della durata dei finanziamenti garantiti da Gepafin deve essere presentato dalle imprese beneficiarie direttamente alle banche finanziatrici. Le banche inoltreranno le richieste di estensione della durata delle garanzie a Gepafin, che autorizzerà d’ufficio le richieste pervenute.
Per domande e informazioni sulle misure di sostegno alle imprese contattare il numero telefonico 075 9976475 .